22bet
20bet scommesse UFC
1bet
betwinner

Take Down

Il Take down è utilizzato nelle MMA e in generale nella Lotta libera, Wrestling, Grappling o Greco romana.

Questa tecnica sostanzialmente serve per portare al tappeto l’avversario lanciandocisi il più velocemente possibile contro, afferrandogli una gamba (single leg) o meglio ancora due (double leg) e sollevandolo per poi proiettarlo a terra.

Una volta ben eseguito questo passaggio ci si ritrova “teoricamente” (dico teoricamente perché alcune discipline come potrebbe essere il BJJ, nascono appunto per prevalere sull’avversario anche quando non si è in posizione dominante) in situazione di vantaggio, ovvero sopra l’avversario che rimarrà o schiacciato dal vostro corpo o comunque più in difficoltà a difendersi dai prossimi attacchi.

Che lo si utilizzi nella lotta libera, grappling piuttosto che nelle MMA, a fare la differenza è il timing, ovvero la scelta del tempo in base alla situazione, e non per ultimo la velocità di esecuzione.

La differenza sostanziale che vi è tra le altre discipline e le MMA è la difesa da questa tecnica di atterramento. Nel primo caso si dovrà eseguire un lavoro di schermaglia non lasciando spazio all’avversario affinché non arrivi troppo facilmente alle gambe, senza doversi troppo preoccupare della parte superiore del corpo; mentre nelle MMA chi difende oltre a curarsi di un imminente attacco alla parte inferiore dovrà fare molta attenzione a non abbassare troppo la guardia, per evitare che chi attacca finti un take down per confondere e poi sferrare un calcio o un pugno alla testa che si potrebbe rivelare fatale per l’incontro.

Viceversa chi proietta un’ attacco dovrà considerare che chi difende se ha un timing perfetto potrebbe sferrare una ginocchiata al volto e quasi sicuramente mandarvi fuori combattimento. (Esempio lampante in UFC: Jorge Masvidal vs Ben Askren, incontro finito a 5 secondi del primo round). Un’ altra opzione, forse la più utilizzata contro questo tipo di attacchi è la ghigliottina, un tipo di presa al collo che se ben assestata potrebbe mettere molto in difficoltà per strangolamento, soprattutto nel caso di avversari non estremamene abili nella lotta ma solamente bravi striker.

Risulta sempre opportuno allenare in maniera meticolosa il tempismo oltre che alla tecnica, magari mettendo sotto pressione l’avversario, per evitare spiacevoli situazioni sia in caso di attacco che di difesa da un take down. Come altri tipi di prese anche quest’ ultima viene considerata dai giudici molto proficua ai fini del punteggio finale dell’ incontro.

Lascia un commento